Attilio Maria Navarra

Spesso lo scatto nasce quando lo pensi, lo intravedi, non quando lo fai

Opere

Stage of Light
  • Attilio Maria Navarra
Stage of Light
  • Attilio Maria Navarra
Roma e dintorni
  • Attilio Maria Navarra
Roma e dintorni
  • Attilio Maria Navarra
Luci di casa
  • Attilio Maria Navarra
Luci di casa
  • Attilio Maria Navarra
Asini
  • Attilio Maria Navarra
Asini
  • Attilio Maria Navarra
In movimento
  • Attilio Maria Navarra
In movimento
  • Attilio Maria Navarra

Note biografiche

1969/84

Nasce a Roma l’11 febbraio 1969. Inizia a fotografare nel 1984 con una macchina reflex in occasione di un viaggio negli Stati Uniti d’America. Da questo momento la macchina fotografica è una compagna di viaggio insostituibile. Visita diversi paesi (nel continente Africano, in Nord Europa, Groenlandia, Medio Oriente e in Asia) ed effettua diversi reportage fotografici per le riviste Atlante e Vie del Mondo.

1992

Si laurea in economia e commercio a Roma e inizia i corsi di specializzazione a Milano. Inizia a lavorare presso l’azienda di famiglia nel settore delle costruzioni.

1993

In occasione della sua prima mostra fotografica a Roma alla Galleria Ca’ D’oro in Piazza di Spagna viene pubblicato un catalogo, Roma e dintorni, dove unisce alcuni reportage fotografici a colori fatti in giro per il mondo con fotografie in bianco e nero di Roma. Qui scopre il medio formato e la fotografia in bianco e nero e gradualmente abbandona la fotografia a colori.

1995

In occasione della sua seconda mostra fotografica personale, sempre alla galleria Ca’ d’Oro di Roma, pubblica il volume Campi Aperti, edito dalla Newton Compton, fotografie in bianco e nero in medio formato che ritraggono la vita rurale nelle campagne umbre e toscane.

1999

Inizia una collaborazione con lo scrittore e poeta Stanislao Nievo per la pubblicazione di un libro di poesie, Il Canto di Pietra, che uscirà qualche anno dopo. Sempre in questo periodo allestisce la sua camera oscura in Umbria dove si cimenta come autodidatta nell’attività di sviluppo dei negativi e di stampa.

2000

Pubblica il Calendario Roma 2000, dove vengono proposte fotografie in bianco e nero di Roma in alcuni dei suoi aspetti più insoliti. Il calendario viene presentato ad una sua mostra personale, Una città sull’alluminio, presso il locale Jeff di Roma.

2000/06

Collabora con la rivista “Newstar” pubblicando diversi reportage fotografici effettuati in Antartide, in Namibia e in Tibet. Viene invitato ad esporre una sua fotografia alla mostra Salone di Maggio – Roma: luoghi e colori, presso il complesso del Vittoriano di Roma.

2008

Pubblica con Polyorama Edizioni il libro fotografico In movimento. Una raccolta di immagini degli ultimi dieci anni suddivisa in cinque diversi movimenti (movimento della vita, nel suo opposto, nel paesaggio, nella composizione e nell’osservare) che traggono ispirazione da una danza buddista fotografata nel 1999 in Bhutan.

2009/2010

Pubblica il libro fotografico Asini, curato da Marco Delogu e edito da Punctum Press. Le fotografie raccolte in questo libro, grandi stampe in bianco e nero ai sali d’argento, vengono esposte in mostra alla Galleria M-Arte di Roma e alla Galleria Rizzoli di Milano.

2013

Pubblica il libro fotografico Luci di casa, curato da Marco Delogu e edito da Punctum Press, un portfolio di immagini scattate nella campagna umbra a mano libera per raccontare il bosco, le strade percorse da sempre, la famiglia e i campi, tramite momenti di luce unica. Progetto presentato al VII Festival Internazionale di Fotografia di Capalbio nella sezione “La gioia di fotografare”, con l’esposizione di tre opere.

2016

Pubblica il libro fotografico Stage of Light con Marsilio Editore a cura di Denis Curti: una stupefacente convergenza di momenti intimi che vanno a formare un profilo espanso, come diluito, che non assomiglia a nulla, ma che tutti possono riconoscere come proprio. L’intero progetto verrà esposto a Milano e a Roma, rispettivamente nelle Gallerie ExpoWall e 28Piazzadipietra.

2017

Inaugura il suo Laboratorio Fotografico presso il vecchio forno in disuso di Città della Pieve, interessato da un attento restauro che lo ha reso un centro di ricerca e approfondimento sulla fotografia classica e contemporanea, con particolare attenzione alla luce, al territorio, all’identità antropologica e geografica dei luoghi.

Articoli e Rassegna Stampa

La mia Roma
di Attilio Maria Navarra – Roma ieri oggi domani, n. 62 dicembre 1993

Roman Impressions
di Attilio Maria Navarra – Where Rome, giugno 2000

Viaggio alla fine del mondo – diario dall’Antartide
di Attilio Maria Navarra – Newstar n. 2 dicembre 2002

Tibet fuori dal Tibet
di Attilio Maria Navarra – Newstar n. 4 agosto 2003

Misurare il tempo in bianco e nero con asini nella neve
di Gianfranco Dioguardi – La Gazzetta del Mezzogiorno, 6 gennaio 2010

Attilio Maria Navarra, dove volano gli asini
di Giorgia Bernoni – Inside Art, maggio 2010

Soltanto l’inatteso genera bellezza
di Gianfranco Dioguardi – La Gazzetta del Mezzogiorno 31 marzo 2016